CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Ematologia.net

Associazione tra intensità della terapia con statine e mortalità nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica


La terapia con statine ad alta intensità è raccomandata per la prevenzione secondaria della malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ). Tuttavia, la terapia con statine in generale, e la terapia con statine ad alta intensità in particolare, è sottoutilizzata nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica stabilita.

È stata determinata l'associazione tra mortalità per qualsiasi causa e intensità della terapia con statine nel sistema sanitario Veterans Affairs negli Stati Uniti.

Una analisi di coorte retrospettiva è stata condotta su pazienti di età compresa tra 21 e 84 anni con malattia cardiovascolare aterosclerotica trattati tra il 2013 e il 2014.
I pazienti inclusi avevano 1 o più codici International Classification of Diseases, Ninth Revision per malattia cardiovascolare aterosclerotica in due o più date diverse nei precedenti 2 anni.

L’intensità della terapia con statine è stata definita dalle lineeguida dell’American College of Cardiology / American Heart Association [ ACC/AHA ] 2013, e l'uso è stato definito da una prescrizione nei precedenti 6 mesi. 
I pazienti sono stati esclusi se avevano assunto una dose più alta di statina nei precedenti 5 anni.

L'endpoint primario era la mortalità per tutte le cause aggiustando per la propensione a ricevere statine ad alta intensità.

Il campione di studio ha incluso 509.766 adulti ammissibili con malattia cardiovascolare aterosclerotica al basale ( età media, 68.5 anni; 499.598 uomini e 10.168 donne ), tra cui 150.928 ( 29.6% ) che ricevevano terapia con statine ad alta intensità, 232.293 ( 45.6% ) in trattamento con statine a moderata intensità, 33.920 ( 6.7% ) trattati con statine a bassa intensità e 92.625 ( 18.2% ) che non ricevevano statine.

Nel corso di un follow-up medio di 492 giorni, è stata riscontrata una associazione graduale tra intensità della terapia con statine e mortalità, con tassi di mortalità a 1 anno del 4.0% ( 5.103 su 126.139 ) per coloro che ricevevano la terapia con statine ad alta intensità, 4.8% ( 9.703 su 200.709 ) per quelli trattati con statine a moderata intensità, 5.7% ( 1.632 su 28.765 ) per quelli trattati con la terapia con statine a bassa intensità, e 6.6% ( 4.868 su 73.728 ) per chi non stava ricevendo statine ( P minore di 0.001 ).

Dopo aggiustamento per la propensione a ricevere statine ad alta intensità, il rapporto di rischio per la mortalità è stato pari a 0.91 per i pazienti trattati con statine ad alta versus moderata intensità. 
L'entità del beneficio delle statine ad alta versus moderata intensità è stata simile, per un hazard ratio incidente di coorte di 0.93.

Per i pazienti di età compresa tra 76 e 84 anni, l'hazard ratio è stato pari a 0.91. 

I pazienti trattati con dosi massime di statine ad alta intensità avevano mortalità inferiore ( HR=0.90 ) rispetto a quelli trattati con dosi submassimali.

In conclusione, è stata rilevata una associazione tra l'intensità della terapia con statine e la mortalità in un campione nazionale di pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica. 
Le statine ad alta intensità sono state associate a un piccolo ma significativo vantaggio di sopravvivenza rispetto alle statine a moderata intensità, anche tra gli adulti più anziani. 
Le dosi massime di statine ad alta intensità sono state associate a un ulteriore beneficio di sopravvivenza. ( Xagena2017)

Rodriguez F et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 47-54

Cardio2017 Farma2017


Indietro