CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association

Confronto tra applicazione delle lineeguida ACC/AHA, ATP-III ed ESC per la prevenzione delle malattie cardiovascolari in una coorte europea


Le linee guida 2013 dell'American College of Cardiology / American Heart Association ( ACC / AHA ) hanno introdotto un modello di previsione e hanno abbassato la soglia per il trattamento con statine a un rischio del 7.5% di malattia cardiovascolare aterosclerotica hard ( ASCVD ) a 10 anni.
Le implicazioni della soglia e del modello delle nuove lineeguida non sono state affrontate in popolazioni non-statunitensi o rispetto alle precedenti lineeguida.

Sono state determinate le implicazioni a livello di popolazione delle linee guida ACC/AHA, Adult Treatment Panel III ( ATP-III ) e della Società Europea di Cardiologia ( ESC ) utilizzando una coorte di pazienti olandesi di età a partire da 55 anni.

Sono stati inclusi 4.854 partecipanti allo studio Rotterdam reclutati negli anni tra il 1997 e il 2001.

Sono stati calcolati i rischi a 10 anni per gli eventi di ASCVD hard ( compresa la malattia coronarica fatale e non-fatale, e ictus ) ( ACC/AHA ), eventi di malattia coronarica hard ( infarto miocardico fatale e non-fatale, mortalità per malattia coronarica ) ( ATP-III ) e la mortalità cardiovascolare aterosclerotica ( ESC ).

Per lineaguida, sono state calcolate le proporzioni di individui per i quali le statine sarebbero consigliabili.

L'età media era di 65.5 anni. Le statine dovrebbero essere raccomandate per il 96.4% ( n=1.825 ) degli uomini e per il 65.8% ( n=1.523 ) delle donne secondo le linee guida ACC/AHA, per il 52.0% ( n=985 ) degli uomini e per il 35.5% ( n=821 ) delle donne secondo ATP-III, e per il 66.1% ( n=1.253 ) degli uomini e per il 39.1% ( n=906 ) delle donne secondo ESC.

Con il modello ACC/AHA, il rischio medio predetto versus incidenza cumulativa osservata di eventi di malattia cardiovascolare aterosclerotica hard è stato del 21.5% vs 12.7% per gli uomini ( 192 eventi ) e dell’11.6% vs 7.9% per le donne ( 151 eventi ).

Una sovrastima simile si è verificata con il modello ATP-III ( 98 eventi negli uomini e 62 eventi nelle donne ) e con il modello ESC ( 50 eventi negli uomini e 37 eventi nelle donne ).

La C statistica è stata 0.67 negli uomini e 0.68 nelle donne per malattia cardiovascolare aterosclerotica hard ( ACC/AHA ), 0.67 negli uomini e 0.69 nelle donne per malattia coronarica hard ( ATP-III ) e 0.76 negli uomini e 0.77 nelle donne per mortalità da malattia cardiovascolare ( ESC ).

In conclusione, in questa popolazione europea di età a partire da 55 anni, le proporzioni di individui che possono beneficiare di statine differivano notevolmente tra le lineeguida.
Le linee guida ACC/AHA raccomandano statine per quasi tutti gli uomini e per i due terzi delle donne, proporzioni superiori a quelle delle lineeguida ATP-III o ESC.
Tutti e 3 i modelli di rischio hanno dato una calibrazione scarsa e discriminazione da moderata a buona.
È necessario migliorare le previsioni di rischio e impostare opportune soglie per tutta la popolazione per facilitare un migliore processo decisionale clinico. ( Xagena2014 )

Kavousi M et al, JAMA 2014; 311: 1416-1423

Cardio2014 Endo2014 Farma2014


Indietro