CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Gastroenterologia.net

Ipercolesterolemia familiare: sottodiagnosticata e sottotrattata nella popolazione generale: prevenzione della malattia coronarica


L’ipercolesterolemia familiare eterozigote ha una prevalenza teorica stimata in 1 su 500, e in molti Paesi, meno dell’1% dei pazienti riceve diagnosi.

Lo screening diretto in una popolazione generale del Nord Europa ha permesso di accertare una prevalenza di ipercolesterolemia familiare eterozigote di circa 1 su 200.

Finora, tutti gli studi hanno documentato il fallimento nel raggiungimento degli obiettivi raccomandati di colesterolo LDL in una grande percentuale di individui con ipercolesterolemia familiare, e un aumentato rischio, fino a 13 volte maggiore, di malattia coronarica.

Sulla base delle prevalenze 1/500 e 1/200, circa 14-34 milioni di individui in tutto il mondo presentano ipercolesterolemia familiare.

L’European Atherosclerosis Society Consensus Panel ha consigliato di sottoporre a screening :

a) bambini, adulti e famiglie con parenti affetti da ipercolesterolemia familiare o che sono deceduti in modo prematuro per morte cardiaca improvvisa;

b) adulti con un livello di colesterolo plasmatico maggiore o uguale a 8 mmol/L ( superiore o uguale a 310 mg/dL );

c) bambini con livelli di colesterolemia maggiore o uguale a 6 mmol/L ( superiore o uguale a 230 mg/dL );

d) soggetti con coronaropatia prematura, xantomi tendinei.

Nell’ipercolesterolemia familiare, gli obiettivi di colesterolo LDL sono:

a) bambini: livelli inferiori a 3.5 mmol/L ( minore di 135 mg/dL );

b) adulti: livelli inferiori a 2.5 mmol/L ( minore di 100 mg/dL );

c) adulti con malattia coronarica o diabete mellito : livelli inferiori a 1.8 mmol/L ( minore di 70 mg/dL )

Oltre allo stile di vita e alla consulenza dietetica, le priorità di trattamento sono: ( i ) nei bambini, statine, Ezetimibe e resine leganti gli acidi biliari, e ( ii ) negli adulti, massima dose di una potente statina, Ezetimibe e resine leganti gli acidi biliari.
La LDL-aferesi può essere offerta agli omozigoti e aegli eterozigoti resistenti al trattamento, con malattia coronarica.

In conclusione, a causa dell’alta incidenza di ipercolesterolemia familiare sottodiagnosticata e sottotrattata, c'è un bisogno urgente di uno screening diagnostico assieme a un trattamento precoce e aggressivo di questa condizione estremamente ad alto rischio. ( Xagena2013 )

Nordestgaard BG et al, Eur Heart J 2013; 34: 3478-3490

Cardio2013



Indietro