Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Effetto di Alirocumab sull'ictus nello studio ODYSSEY OUTCOMES


L'abbassamento delle lipoproteine ​​aterogeniche, incluso il colesterolo LDC, riduce il rischio di ictus ischemico.
Tuttavia, sono state sollevate preoccupazioni circa livelli molto bassi di colesterolo LDL e un potenziale aumento del rischio di ictus emorragico.

Lo studio ODYSSEY OUTCOMES ha confrontato l'inibitore PCSK9 Alirocumab ( Praluent ) con placebo in 18.924 pazienti con recente sindrome coronarica acuta ed elevate lipoproteine ​​aterogeniche, nonostante un'intensa terapia con statine, mirando a livelli di colesterolo LDL da 25 a 50 mg/dl ed evitando livelli sostenuti di colesterolo LDL inferiori a 15 mg/dl.

Questa analisi prespecificata è stata progettata per valutare l'effetto di Alirocumab sull'ictus ischemico ed emorragico.
Si è ipotizzato che i pazienti trattati con Alirocumab abbiano una riduzione del rischio di ictus ischemico senza aumentare l'ictus emorragico, indipendentemente dai livelli di colesterolo LDL al basale e dall’anamnesi di malattia cerebrovascolare.

I pazienti sono stati randomizzati ad Alirocumab oppure al placebo 1-12 mesi dopo la sindrome coronarica acuta.
È stato valutato il rischio di ictus ischemico o emorragico non-fatale o fatale, stratificando per concentrazione basale di colesterolo LDL e storia di malattia cerebrovascolare.
È stata valutata una potenziale associazione tra livelli rmolto bassi di colesterolo LDL con il trattamento con Alirocumab al mese 4 e successivo ictus emorragico.

Il follow-up mediano è stato di 2.8 anni.

In totale, si sono verificati 263 ictus ischemici e 33 ictus emorragici. Alirocumab ha ridotto il rischio di qualsiasi ictus ( hazard ratio, HR=0.72 ) e di ictus ischemico ( HR=0.73 ) senza aumentare il rischio di ictus emorragico ( HR=0.83 ).

In totale, 7.164 ( 37.9% ), 6.128 ( 32.4% ) e 5.629 ( 29.7% ) pazienti avevano livelli basali di colesterolo LDL, rispettivamente inferiori a 80, 80-100 e superiori a 100 mg/dl.

L'effetto del trattamento sull'ictus è apparso numericamente maggiore nei pazienti con colesterolo LDL basale più elevato, ma non vi era evidenza formale di eterogeneità ( P interazione=0.31 ).

L'effetto di Alirocumab sull'ictus è stato simile tra 944 pazienti ( 5.0% ) con una storia di precedente malattia cerebrovascolare e tra quelli senza storia di malattia cerebrovascolare ( P interazione=0.37 ).

Non c'è stata alcuna relazione avversa apparente tra il raggiungimento di bassi livelli di colesterolo LDL e incidenza di ictus emorragico nel gruppo Alirocumab.

Nei pazienti con recente sindrome coronarica acuta e dislipidemia nonostante un'intensa terapia con statine, Alirocumab ha ridotto il rischio di ictus, indipendentemente dal livello basale di colesterolo LDL e dall'anamnesi di malattia cerebrovascolare, nel corso di un follow-up mediano di 2.8 anni.
Inoltre, il rischio di ictus emorragico non è risultato dipendente dai livelli di colesterolo LDL raggiunti nel gruppo Alirocumab. ( Xagena2019 )

Jukema JW et al, Circulation 2019; 140: 2054-2062

Endo2019 Neuro2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro