Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra livelli circolanti al basale di PCSK9 ed efficacia di Evolocumab


I livelli di proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ) variano notevolmente nella popolazione e sono influenzati da fattori genetici e non-genetici.
Evolocumab ( Repatha ) è un anticorpo monoclonale completamente umano contro PCSK9 che riduce i livelli di colesterolo LDL ( LDL-C ) del 55-75%
Non è chiaro se l’efficacia di Evolocumab vari a seconda del livello basale di PCSK9.

È stata caratterizzata la variabilità nei livelli di PCSK9, e si è determinato se la riduzione del livello di colesterolo LDL raggiunto con Evolocumab differisca in base ai livelli di PCSK9 in uno studio che ha incluso i dati raccolti da 3.016 pazienti provenienti da 4 studi clinici randomizzati di fase 3 di Evolocumab come parte di PROFICIO ( Program to Reduce LDL-C and Cardiovascular Outcomes Following Inhibition of PCSK9 in Different Populations ).

I livelli di PCSK9 circolante sono stati misurati al basale e il livello di colesterolo LDL è stato misurato al basale e alle settimane 10 e 12.
In altri 138 pazienti arruolati in un sottostudio farmacocinetico e farmacodinamico da 4 studi di fase 2, i livelli circolanti di PCSK9 sono stati misurati al basale e poi settimanalmente nelle settimane dalla 8.a alla 12.a.

L’esito principale era il cambiamento percentuale nel livello di colesterolo LDL con Evolocumab 140 mg ogni 2 settimane e 420 mg una volta al mese, attraverso i quartili dei livelli basali di PCSK9.

Su 3.016 pazienti, 1.492 ( 49.5% ) erano di sesso femminile e 2.758 ( 91.4% ) erano di razza bianca.
Il livello mediano PCSK9 circolante era di 323 ng/ml.

I pazienti con livelli più elevati di PCSK9 avevano maggiori probabilità di ricevere terapie intensive con statine ( 56%, 36%, 25% e 13% nel quarto quartile fino al primo quartile; P minore di 0.001 ) e avevano livelli significativamente inferiori di colesterolo LDL al basale ( 123 mg/dl, 124 mg/dl, 128 mg/dl e 137 mg/dl nel quarto quartile fino al primo quartile; P minore di 0.001 ).

Dopo la stratificazione per l’uso di statine, non è stata riscontrata alcuna correlazione tra i livelli di PCSK9 e i livelli di colesterolo LDL ( rho=0.03 per i non-utilizzatori di statine, P=0.39 e rho=0.03 per gli utilizzatori di statine, P=0.12 ).

In tutti i quartili dei livelli di PCSK9 basali, Evolocumab 140 mg ogni 2 settimane e 420 mg una volta al mese hanno soppresso entrambi i livelli circolanti di PCSK9 dal 90% al 100% entro una settimana di somministrazione.

Sia Evolocumab 140 mg ogni 2 settimane sia 420 mg una volta al mese sono stati associati a significative riduzioni nei livelli di colesterolo LDL tra il 64% e il 71% ( P minore di 0.001 ), indipendentemente dai livelli di PCSK9 ( P per interazione=0.76 e 0.21, rispettivamente ).

In conclusione, indipendentemente dai livelli basali di PCSK9, i due dosaggi di Evolocumab sopprimono i livelli di PCSK9 e riducono i livelli di colesterolo LDL. ( Xagena2017 )

Desai NR et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 556-560

Cardio2017 Endo2017 Farma2017


Indietro