Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Efficacia comparativa delle statine sul colesterolo non-HDL nelle persone con diabete mellito e a rischio di malattie cardiovascolari


È stata confrontata l'efficacia di diversi trattamenti con statine per intensità sui livelli di colesterolo da lipoproteine non ad alta densità ( non-HDL ) per la prevenzione delle malattie cardiovascolari nelle persone con diabete mellito mediante una revisione sistematica e meta-analisi di rete.

Sono stati inclusi studi randomizzati controllati che hanno confrontato diversi tipi e intensità di statine, incluso il placebo, in adulti con diabete mellito di tipo 1 o di tipo 2.

L'esito primario erano i cambiamenti nei livelli di colesterolo non-HDL, calcolati dalle misure di colesterolo totale e del colesterolo HDL.
Gli esiti secondari erano i cambiamenti nei livelli di colesterolo da lipoproteine a bassa densità ( LDL ) e colesterolo totale, eventi cardiovascolari maggiori in tre punti ( ictus non-fatale, infarto del miocardio non-fatale e morte correlata a malattie cardiovascolari ) e interruzioni a causa di eventi avversi.

Una meta-analisi della rete bayesiana dell'intensità delle statine ( bassa, moderata o alta ) con effetti casuali ha valutato l'effetto del trattamento su colesterolo non-HDL in base a differenze medie e intervalli credibili al 95%.
L'analisi dei sottogruppi di pazienti a maggior rischio di eventi cardiovascolari maggiori è stata confrontata con pazienti a rischio basso o moderato. Per determinare la certezza dell'evidenza è stato applicato il modello di fiducia nella meta-analisi di rete ( CINeMA ).

In 42 studi randomizzati controllati che hanno coinvolto 20.193 adulti, 11.698 sono stati inclusi nella meta-analisi.
Rispetto al placebo, le maggiori riduzioni dei livelli di colesterolo non-HDL sono state osservate con Rosuvastatina ( Crestor ) ad intensità alta ( -2,31 mmol/l, intervallo credibile al 95% da -3.39 a -1.21 ) e moderata ( -2.27, da -3.00 a -1.49 ) e Simvastatina ( Sinvacor ) ( -2.26, da -2.99 a -1.51 ) e Atorvastatina ( Torvast ) ( -2.20, da -2.69 a -1.70 ) ad alta intensità.

Anche Atorvastatina e Simvastatina a qualsiasi intensità e Pravastatina a bassa intensità si sono rivelate efficaci nel ridurre i livelli di colesterolo non-HDL.
In 4.670 pazienti a maggior rischio di eventi cardiovascolari maggiori, l'Atorvastatina ad alta intensità ha mostrato la più grande riduzione dei livelli di colesterolo non-HDL ( -1.98, da -4.16 a 0.26, superficie sotto la curva di classificazione cumulativa 64% ).
Simvastatina ( -1,93, da -2.63 a -1.21 ) e Rosuvastatina ( -1.76, da -2.37 a -1.15 ) ad alta intensità sono state le opzioni di trattamento più efficaci per ridurre il colesterolo LDL.

Riduzioni significative dell'infarto miocardico non-fatale sono state riscontrate per Atorvastatina a intensità moderata rispetto al placebo ( rischio relativo, RR=0.57, n=4 studi ).
Non sono state riscontrate differenze significative per interruzioni, ictus non-fatale e decessi cardiovascolari.

Questa meta-analisi di rete ha indicato che la Rosuvastatina, a dosi moderate e ad alta intensità, e la Simvastatina e l'Atorvastatina, a dosi ad alta intensità, sono state più efficaci nel ridurre moderatamente i livelli di colesterolo non-HDL nei pazienti con diabete mellito.

Dato il potenziale miglioramento dell'accuratezza nella predizione della malattia cardiovascolare quando si utilizza la riduzione dei livelli di colesterolo non-HDL come obiettivo primario, questi risultati forniscono una guida su quali tipi e intensità di statine sono più efficaci per ridurre il colesterolo non-HDL nei pazienti con diabete. ( Xagena2022 )

Hodkinson A et al, BMJ 2022; 376: e067731

Endo2022 Farma2022



Indietro