Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Evinacumab in pazienti con ipercolesterolemia refrattaria


I pazienti con ipercolesterolemia refrattaria, che hanno alti livelli di colesterolo LDL ( lipoproteine ​​a bassa densità ), nonostante il trattamento con terapie ipolipemizzanti alle dosi massime tollerate, presentano un aumentato rischio di aterosclerosi.
In questi pazienti, l'efficacia e la sicurezza di Evinacumab per via sottocutanea ed endovenosa, non sono ben definite.
Evinacumab è un anticorpo monoclonale completamente umano contro ANGPTL3 ( angiopoietina-like 3 ).

In uno studio di fase 2 in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati arruolati pazienti con o senza ipercolesterolemia familiare eterozigote che avevano ipercolesterolemia refrattaria, con un livello di colesterolo LDL allo screening di 70 mg per decilitro o superiore con aterosclerosi o di 100 mg per decilitro o più alto senza aterosclerosi.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Evinacumab oppure placebo per via sottocutanea o endovenosa.

L'endpoint primario era la variazione percentuale rispetto al basale del livello di colesterolo LDL alla settimana 16 con Evinacumab rispetto al placebo.

In totale, 272 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ai seguenti gruppi: Evinacumab sottocutaneo alla dose di 450 mg alla settimana ( 40 pazienti ), 300 mg alla settimana ( n=43 ) o 300 mg ogni 2 settimane ( n=39 ) oppure placebo ( n=41 ); o Evinacumab per via endovenosa alla dose di 15 mg per kg di peso corporeo ogni 4 settimane ( n=39 ) o 5 mg per kg ogni 4 settimane ( n=36 ) o placebo ( n=34 ).

Alla settimana 16, le differenze nella variazione media dei minimi quadrati rispetto al basale nel livello di colesterolo LDL tra i gruppi assegnati a ricevere Evinacumab per via sottocutanea alla dose di 450 mg settimanali, 300 mg settimanali e 300 mg ogni 2 settimane e il gruppo placebo sono state −56.0, −52.9 e −38.5 punti percentuali, rispettivamente ( P minore di 0.001 per tutti i confronti ).

Le differenze tra i gruppi assegnati a ricevere Evinacumab per via endovenosa a una dose di 15 mg per kg e 5 mg per kg e il gruppo placebo sono state rispettivamente −50.5 punti percentuali ( P minore di 0.001 ) e −24.2 punti percentuali.

L'incidenza di eventi avversi gravi durante il periodo di trattamento è variata dal 3 al 16% tra i gruppi di studio.

Nei pazienti con ipercolesterolemia refrattaria, l'uso di Evinacumab ha ridotto significativamente il livello di colesterolo LDL, di oltre il 50% alla dose massima. ( Xagena2020 )

Rosenson RS et al, N Engl J Med 2020; 383: 2307-2319

Cardio2020 Endo2020 Farma2020


Indietro