52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Inibizione di PCSK9 con Evolocumab nella ipercolesterolemia familiare omozigote: studio TESLA Parte B


L’ipercolesterolemia familiare omozigote è una rara e grave malattia causata da clearance plasmatica molto bassa o assente di LDL, sostanzialmente aumentato colesterolo LDL, e accelerato sviluppo di malattie cardiovascolari.
I trattamenti ipolipemizzanti convenzionali hanno un’efficacia modesta.

In uno studio pilota, Evolocumab ( Repatha ), un anticorpo monoclonale verso la proproteina convertasi subtilisina / kexina tipo 9 ( PCSK9 ), ha ridotto il colesterolo LDL del 16%.

Sono stati riportati i risultati ottenuti con Evolocumab in uno studio randomizzato, in doppio cieco, di fase 3, controllato con placebo, condotto in 17 Centri in 10 Paesi in Nord America, Europa, Medio Oriente e Sud Africa.

50 pazienti eleggibili ( età a partire da 12 anni ) con ipercolesterolemia familiare omozigote, in terapia stabile per regolare la lipidemia per almeno 4 settimane, e non-trattati con aferesi delle lipoproteine , sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Evolocumab sottocutaneo 420 mg oppure placebo ogni 4 settimane per 12 settimane.

La randomizzazione è stata stratificata per il colesterolo LDL allo screening ( inferiore a 11 mmol/l o maggiore o uguale a 11 mmol/l ).

L'endpoint primario era la variazione percentuale nel colesterolo LDL alla ultracentrifugazione dal basale alla settimana 12 rispetto al placebo.

Dei 50 pazienti eleggibili assegnati in modo casuale a due gruppi di trattamento, 49 hanno ricevuto il farmaco e hanno completato lo studio ( 16 nel gruppo placebo e 33 nel gruppo Evolocumab ).

Rispetto al placebo, Evolocumab ha significativamente ridotto il colesterolo LDL alla ultracentrifugazione a 12 settimane del 30.9% ( P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento si sono verificati in 10 pazienti su 16 nel gruppo placebo ( 63% ) e in 12 su 33 nel gruppo Evolocumab ( 36% ).

Non si sono verificati gravi eventi avversi clinici o di laboratorio, e nessuno sviluppo di anticorpi anti-Evolocumab è stato rilevato nel corso dello studio.

Nei pazienti con ipercolesterolemia familiare omozigote che ricevono un trattamento stabile ipolipemizzante e non-sottoposti ad aferesi, Evolocumab 420 mg somministrato ogni 4 settimane è stato ben tollerato e ha ridotto significativamente il colesterolo LDL rispetto al placebo. ( Xagena2015 )

Raal FJ et al, Lancet 2015;385:341-350

Endo2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro