Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

La dislipidemia è comune tra le persone senza malattia cardiovascolare


Lo studio MESA ( Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ) ha determinato la prevalenza, il trattamento ed il controllo della dislipidemia nelle donne senza malattia cardiovascolare alla luce delle raccomandazioni del Third Report of the Adult Treatment Panel ( ATP III ) del National Cholesterol Education Program.

Lo studio MESA ha coinvolto 6814 persone di età compresa tra 45 ed 84 anni che non erano affette da malattia cardiovascolare al momento dell’ingresso nello studio ( 2000-2002 ).

Il 29.3% ( 1964/6704 ) dei partecipanti aveva dislipidemia e, di questi, il 54% ( 1060/1964 ) era in trattamento ipolipemizzante.

L’obiettivo del controllo lipidico secondo ATP III è stato osservato nel 75.2% ( 797/1060 ) dei pazienti trattati per la dislipidemia, e nel 40.6% ( 797/1964 ) dei partecipanti con dislipidemia.

E’ risultato chegli uomini, a differenza delle donne, erano meno inclini ad essere trattati e controllati.

Il controllo della dislipidemia è stato raggiunto meno frequentemente nei gruppi a rischio cardiovascolare alto ed intermedio, che nel gruppo a basso rischio.
Tra i soggetti ad alto rischio, il 19.7% di quelli che non assumevano terapia ipolipemizzante presentava valori di calcio a livello dell’arteria coronarica maggiori di 400.

Lo studio ha riscontrato che la dislipidemia è comune tra le persone senza malattia cardiovascolare. Secondo gli Autori, l’utilità di inserire lo screening per il calcio a livello delle coronarie nella stratificazione del rischio e nella decisione di trattamento dovrebbe essere valutata sulla base dell’alta percentuale di persone con alti livelli di calcio in sede coronarica, non sottoposti a terapia. ( Xagena2006 )

Goff DC et al, Circulation 2006; 113: 647-656


Cardio2006


Indietro