52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Sicurezza dei livelli molto bassi di colesterolo LDL con Alirocumab


Gli anticorpi monoclonali della proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ) possono ridurre il colesterolo LDL ( LDL-C ) a livelli molto bassi quando vengono aggiunti alla terapia ipolipemizzante di fondo.

La sicurezza di Alirocumab ( Praluent ) è stata valutata in pazienti con almeno due valori di colesterolo LDL consecutivi inferiori a 25 o inferiori a 15 mg/dl nel programma ODYSSEY, con follow-up fino a 104 settimane.
Sono stati analizzati i dati raggruppati di 14 studi ( trattamento in doppio cieco da 8 a 104 settimane, n=3.340 Alirocumab, n=1.894 controllo con placebo o Ezetimibe; rappresentando 4.029 anni-paziente di esposizione in doppio cieco a Alirocumab e 2.114 di controllo ).

Nei pazienti trattati con Alirocumab, 839 ( 25.1% ) hanno raggiunto due valori di colesterolo LDL consecutivi inferiore a 25 mg/dl e 314 ( 9.4% ) hanno raggiunto valori inferiori a 15 mg/dl.

Il colesterolo LDL al basale era più basso ( media 100.3 vs 134.3 mg/dl ) nei pazienti con colesterolo LDL inferiore a 25 rispetto a maggiore o uguale a 25 mg/dl.

Tassi di eventi avversi simili si sono verificati in pazienti che hanno raggiunto livelli di colesterolo LDL inferiori a 25 e inferiori a 15 mg/dl ( rispettivamente, 72.7% e 71.7% ), rispetto al 76.6% di coloro che non hanno raggiunto colesterolo LDL inferiore a 25 mg/dl.
Gli eventi neurologici e neurocognitivi sono stati simili tra i tre gruppi.
In una analisi del punteggio di propensione, il tasso di cataratta è risultato più alto nei pazienti con colesterolo LDL inferiore a 25 mg/dl ( 2.6% ) rispetto a maggiore o uguale a 25 mg/dl ( 0.8%, hazard ratio, HR=3.4% ).
Tuttavia, non è stata osservata alcuna differenza nell'incidenza della cataratta tra i gruppi con Alirocumab e di controllo nei dati aggregati.

In conclusione, i livelli di colesterolo LDL inferiori a 25 o inferiori a 15 mg/dl con Alirocumab non sono stati associati a un aumento generale dei tassi di eventi avversi emergenti dal trattamento o di eventi neurocognitivi, sebbene l'incidenza della cataratta sia aumentata nel gruppo che ha raggiunto livelli di colesterolo LDL inferiori a 25 mg/dl. ( Xagena2017 )

Robinson JG et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 471-482

Cardio2017 Endo2017 Farma2017


Indietro