CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
L'ictus puo essere prevenuto
OncoGinecologia.net

Sicurezza ed efficacia a lungo termine dei livelli molto bassi di colesterolo LDL


Nello studio IMPROVE-IT ( Improved Reduction of Outcomes: Vytorin Efficacy International Trial ), una terapia intensiva di riduzione del colesterolo LDL ( LDL-C ) con la combinazione Ezetimibe e Simvastatina ( Vytorin ), rispetto a Simvastatina da sola, è stata associata a una significativa riduzione degli eventi cardiovascolari in 18.144 pazienti dopo sindrome coronarica acuta.
La sicurezza di livelli di colesterolo LDL molto bassi nel lungo periodo è sconosciuta.

È stata valutata la sicurezza e l'efficacia clinica di raggiungere un livello molto basso ( inferiore a 30 mg/d ) di colesterolo LDL a 1 mese, utilizzando i dati dello studio IMPROVE-IT.
Il follow-up mediano è stato di 6 anni.
I pazienti sono stati arruolati dal 2005 al 2010, e l'analisi dei dati è stata condotta dal 2014 al 2017.

Tra i 15.281 pazienti inclusi nello studio, 11.645 ( 76.2% ) erano uomini e l'età media era di 63 anni.
In questi pazienti senza eventi nel primo mese, i valori di colesterolo LDL raggiunti a 1 mese sono stati inferiori a 30 mg/dl, compresi tra 30 e 49 mg/dl, compresi tra 50 e 69 mg/dl e 70 mg/dl o superiori, rispettivamente, nel 6.4%, 31%, 36% e 26% dei pazienti.

I pazienti con valori di colesterolo LDL inferiori a 30 mg/dl ( mediana, 25 mg/dl ) a 1 mese hanno avuto più probabilità di essere randomizzati alla combinazione Ezetimibe e Simvastatina ( 85% ), avere valori di colesterolo LDL più bassi al basale e di essere più probabilmente anziani, maschi, non-bianchi, diabetici, in sovrappeso, naive-alle-statine e con un primo infarto miocardico.

Dopo aggiustamento multivariato, non vi è stata alcuna associazione significativa tra livello di colesterolo LDL raggiunto e alcuno dei 9 eventi di sicurezza prespecificati ( eventi avversi muscolari, epatobiliari e neurocognitivi; ictus emorragico, insufficienza cardiaca, cancro e morte non-cardiovascolare ).

Il rischio aggiustato del composito di efficacia primaria di morte cardiovascolare, eventi coronarici maggiori, o ictus è risultato significativamente più basso nei pazienti che hanno raggiunto un livello di colesterolo LDL minore di 30 mg/dl a 1 mese ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.79; P=0.001 ) rispetto a 70 mg/dl o superiore.

In conclusione, i pazienti che hanno raggiunto un livello di colesterolo LDL inferiore a 30 mg/dl a 1 mese hanno presentato un profilo di sicurezza simile ( e numericamente il tasso più basso di eventi cardiovascolari ) nel corso di un periodo di 6 anni, rispetto ai pazienti che hanno ottenuto concentrazioni più elevate di colesterolo LDL.
Questi dati forniscono rassicurazioni per quanto riguarda la sicurezza e l'efficacia a lungo termine della continuazione della terapia intensiva di riduzione dei lipidi nei pazienti a più alto rischio con conseguenti livelli di colesterolo LDL-C. ( Xagena2017 )

Giugliano RP et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 547-555

Cardio2017 Endo2017 Farma2017


Indietro